Home News Cinque motivi per andare in vacanza in Sardegna

Cinque motivi per andare in vacanza in Sardegna

by admin

1) Mare caraibico e spiagge da sogno

Solitamente chi sceglie di prenotare le proprie vacanze in uno dei campeggi in Sardegna lo fa per la bellezza del mare e delle spiagge. Famosa in tutto il mondo, questa isola italiana è inserita in un contesto naturalistico senza pari. A pochi chilometri dalla costa ci si sente catapultati in un altro mondo che ha davvero poco da invidiare agli scenari che siamo abituati ad associare ai Caraibi. Il litorale sardo ospita paradisi selvaggi ricchi di fascino e natura, con sabbia fine e un mare limpido e trasparente, capaci di soddisfare tutte le esigenze: relax, sport, divertimento. Tra le spiagge più belle della Sardegna è d’obbligo citare La Pelosa di Stintino, La Cinta di San Teodoro (Olbia-Tempio), Cala Goloritzé e Cala Marolu di Baunei (Ogliastra) e Porto Giunco di Villasiminus (Cagliari).

2) La vita notturna

Oltre alla zona dei vip, la Costa Smeralda, poco accessibile ai più per via dei prezzi un po’ pretenziosi, ci sono molte alternative per chi cerca il divertimento serale. Chi prenota camping in Sardegna con lo scopo di vivere la notte più del giorno sappia che la movida si concentra soprattutto ad Alghero e a San Teodoro, due splendide cittadine che meritano una vostra visita in ogni caso. Ad Alghero ci si può rilassare nella magnifica Riviera del Corallo sorseggiando un cocktail in uno dei locali sul mare. Le discoteche più famose della zona sono La Siesta e Il Ruscello e, se il vostro obiettivo è andare a ballare e divertirvi in tal senso, non potete non passare una serata in entrambe. Anche a San Teodoro la vita notturna è molto attiva e vivace. Ricca di locali per tutti i gusti, discoteche come l’Ambra Night, locale storico sul mare, e La Luna Glam Club, con il suo calendario ricco di eventi serali, San Teodoro vi assicura il divertimento che state cercando.

3) Attrazioni culturali e storiche

Le vacanze nei campeggi e villaggi in Sardegna non vi permetteranno solo di godervi le meravigliose spiagge e la vita mondana, se vorrete potrete dedicare parte del vostro soggiorno anche alle visite culturali, visto che questa regione è ricca di storia. Nuraghi e villaggi nuragici, tombe dei Giganti e Pozzi Sacri, Dolmen e Menhir, tra i più noti monumenti megalitici, Domus de Janas (tombe preistoriche scavate nella roccia), siti fenicio-punici e romani sono le attrazioni più famose dell’isola. Di sicuro i Nuraghi sono il simbolo di questa terra e il complesso più importante è quello di Barumini ma in qualsiasi parte della Sardegna potrete trovarne uno.

4) Eventi e tradizioni antiche

La Sardegna è una regione italiana molto legata alle sue tradizioni. Molto famosa e conosciuta è la caratteristica Cavalcata Sarda, antica manifestazione culturale e folkloristica che si svolge a Sassari, solitamente la penultima domenica di maggio. Sempre a Sassari si svolge la processione religiosa più importante e più sentita dalla popolazione il giorno prima di ferragosto: la Faradda di li candareri (o solo Faradda). Queste manifestazioni raccontano molto della terra, della sua storia e dei suoi abitanti e lasciano senza parole i turisti italiani e stranieri con forme e colori che diventano spettacolari anche agli occhi dei più piccoli. Va citato anche il “Canto a Tenore”, uno stile di canto corale particolare e che si canta solo qui in Sardegna dichiarato patrimonio intangibile dell’umanità dall’Unesco nel 2005.

5) La buona cucina

La tradizione culinaria della Sardegna è tra le più rinomate in tutta Italia. Nei ristoranti dei campeggi in cui soggiornate o in quelli che trovate lungo la costa o nell’entroterra che sia, non potete non assaggiare i piatti tipici di questa regione, tutti saporiti e caratteristici. Dalla tradizione marinara, pastorale e contadina derivano i malloreddus, i famosi gnocchetti sardi, i culurgiones, ravioli a forma di spiga, la fregola, pasta indicata per preparare piatti di pesce, la zuppa gallurese, piatto unico cucinato con alcune varianti a seconda della zona della Sardegna, il porceddu, tipico maialino sardo e la carne di agnello cucinata in molti modi diversi. Tra i vini rossi che meritano un assaggio ricordiamo il Cannonau, mentre tra i bianchi il Vermentino è ottimo.

You may also like

Leave a Comment